Scuola di Vela: La nomenclatura

sunset-dream-team-dream1-sailing-holidays-cruise
Formula vacanza in barca a vela “All Exclusive”
24/04/2017
Aperitivo_Vacanze-barca-vela-Sailingholidays-
Viaggi in barca a vela organizzati
19/06/2017
Show all

Scuola di Vela: La nomenclatura

terminologia-barca-a-vela
Chi non ricorda "Cazzi la Gomena!" di Fantozziana memoria e la scena in barca? Ma in fondo è una piccola verità, il linguaggio marinaro è un po' strano e a tratti divertente... in questo post iniziamo a raccogliere i termini principali utili da conoscere in barca... Iniziamo proprio con Gomena...

BOLINA

La bolina è un'andatura che consente alla barca a vela di risalire il vento, mantenendo il vento a circa 45° di prua. Il termine "bolina" deriva dal nome delle cime (bowlines = cavi di prua), che si usavano sulle navi a vela quadra per sostenere le balumine prodiere (nel caso specifico da intendere come "sopravvento") delle vele durante quest'andatura.

Crocetta

Nelle barche a vela moderne, le crocette sono aste di metallo poste lungo l'albero perpendicolarmente ad esso: la loro funzione consiste nell'accrescere l'angolo tra sartia e albero diminuendo così la tensione necessaria a mantenere quest'ultimo in posizione. Mentre nei velieri la crocetta è ciascuna delle due barre longitudinali che, sugli alberi dei velieri, insieme alle barre trasversali sostengono la coffa | struttura a forma di croce formata da barre longitudinali e trasversali situata tra il tronco mediano e quello alto degli alberi di un veliero.

Gomena

Gomena: la gomena è un grande cavo di canapa intrecciato di dimensioni significative usato per l'ormeggio, per il traino di altre imbarcazioni o all'abbisogna.
Oggi si usano cavi tessili sintetici di più facile reperimento sul mercato più economici e performanti e si tende ad usare il termine d'uso: cavo d'ormeggio, cavo di traino, etc.

Manica a Vento

Manica a Vento: Convogliatore d'aria posto sulla coperta delle navi per l'aerazione dei locali sottostanti, solitamente a forma di grande pipa e utilizzato nei piroscafi fino i primi anni del '900 ora in disuso. Utile invece nelle piccole imbarcazioni a vela per areare al meglio le cabine.

Mascone

Il MASCONE di un'imbarcazione è la parte compresa tra la prua e il traverso. In questo modo identifichiamo il mascone di dritta e il mascone di sinistra. Si usa prendere il mare al MASCONE in caso di onda formata, questo per rendere la navigazione più stabile, dato che in questo modo si diminuiscono beccheggio e rollio. Il termine MASCONE deriva dal genovese Màsca: Guancia... in genovese infatti si dice anche Mîa, tò-u dìggo: a-a pròscima t'arîva 'na mascâ! ║ Guarda, te lo dico: alla prossima ti arriva un ceffone! quindi si usa mascâ in termine di "ceffone", così anche il termine Mascun, te tiu in mascùn... ti tiro un mascone!

Mezzomarinaio

Mezzomarinaio: Bastone con impugnatura e staffa ricurva, utile nelle manovre di accosto e ormeggio di imbarcazioni di piccole dimensioni, utile per recuperare oggetti di tutti i tipi. In origine con il termine Mezzo marinaio, si indicava il mozzo, cioè l'apprendista marinaio che era dedicato a fare tutti i lavori più umili in barca.

Orzare

Orzare significa letteralmente, mettere la prua della barca verso la direzione da cui spira il vento, stringendolo! si usa anche mettere all'orza. Il massimo dell'orza si raggiunge quando la prua è controvento. Una barca orziera è una barca che naturalmente, senza interventi, tende a mettere la sua prua nella direzione del vento.

Tangone

Il Tangone è un "albero" della barca a vela, si mette perpendicolarmente all'albero e serve per avere un punto di scotta per le vele alle andature portanti come spinnaker e gennaker.
CIAOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

//]]>